Storia ed evoluzione

Nel 1960 l'americana Harley Davidson e l'italiana Aermacchi (già Aeronautica Macchi) di Varese formano la società AERMACCHI-HARLEY DAVIDSON per la produzione di motoveicoli leggeri in Italia. Dal 1973 il marchio diventa AMF-HD, ossia al subentro della American Machine Foundry al posto di Aermacchi. La produzione motociclistica si arresta nel 1978, quando Harley Davidson decide di abbandonare la produzione italiana. Nello stesso anno la Cagiva, nata come fabbrica di minuteria metallica fondata da Giovanni Castiglioni, rileva l'azienda per continuare in proprio la produzione motociclistica. Qui di seguito una breve storia del suo primo cavallo di battaglia, la SST 125.


6F SS 125
IL VERO NOME
Con la sigla 6F SS 125 si indica una serie di motociclette fabbricate dal 1975 al 1984, prodotte inizialmente sotto il marchio AMF-Harley Davidson e proseguite sotto il marchio Cagiva. La sigla 6F si trova stampata sul telaio in corrispondenza del cannotto di sterzo e costituisce i primi due caratteri del numero di matricola. In pratica la sigla 6F identifica esclusivamente i modelli SS 125 (ed i successivi SST 125). La matricola originaria ha il seguente formato: 6F-6xxxx Hx, dove 6F indica il modello; 6xxxx è la numerazione di partenza per cui 6 è un numero fisso e le successive quattro cifre indicano il progressivo dei modelli prodotti nell'anno in corso; H sta per il decennio di produzione (H=197x) mentre l'ultima cifra sta per l'anno di produzione. In pratica H5=1975, H6=1976 e così via. La matricola dei modelli prodotti per il mercato degli Stati Uniti ha il seguente formato: 6F-1xxxx Hx. Questo sistema di numerazione matricole è stato usato dal 1975 al 1977. Di seguito una piccola tabella indicativa:

6F = SS 125 e SST 125
9E = SS 250
7T = SST 250
6A = SS 350 (4 tempi)
8F = SST 350 (2 tempi)

LE ORIGINI (1975-1977)
La prima SS 125 prodotta aveva la matricola 6F-60001 H5. Queste moto avevano freni a tamburo su tutte e due le ruote e le stesse erano esclusivamente a raggi. La strumentazione era costituita dal solo contachilometri mentre accanto ad esso vi era il quadro di accensione a chiave. Montava un motore di tipo SX del 1971, già utilizzato dai precedenti Aermacchi, raffreddato ad aria. Questo motore è stato montato sui modelli SS - SST - SXT fino al 1984 sia pur con modeste modifiche di miglioramento. Altre caratteristiche: frecce a bacchetta, tappo serbatoio a vite, carburatore VHB 27, due sole spie: frecce e abbagliante. Le adesive sul serbatoio recavano la scritta AMF Harley Davidson e le tipiche strisce erano fra loro contrapposte.

AMF-HD SS 125 del 1975
(Immagine da: www.aermacchi-world.de)

LA PRIMA EVOLUZIONE (1978)
Nel 1978 vengono introdotti significativi cambiamenti negli equipaggiamenti ed il nome del modello diventa SST 125 per differenziarlo dal precedente. Primo fra tutti l'introduzione del freno a disco sulla ruota anteriore, al posto del tamburo. Il sistema di alimentazione viene accessoriato con una nuova scatola filtro. Il quadro strumenti viene ammodernato con l'introduzione del contagiri elettronico (prima assente) e con lo spostamento della chiave di accensione in mezzo al quadro. Le spie vengono portate da due a tre: batteria (GEN), frecce (TURN), abbagliante (HIGH BEAM). Le strisce sul serbatoio passano da 6 a 5 ed assumono la nota configurazione adottata fino al 1983.

AMF-HD SST 125 del 1978
(Immagine da: http://arnaudharley125.skyrock.com/)

L'EPOPEA CAGIVA (1979)
Lo stabilimento di Schiranna (VA) venne rilevato dalla Cagiva che continuò a produrre gli stessi modelli HD. La capacità della Cagiva fu quello di rilanciare l'azienda attraverso un'operazione di marketing senza precedenti. In particolare l'SST 125 divenne la moto più venduta in Italia, stabilendo un record tutt'ora imbattuto (Piaggio a parte). Erano i tempi in cui Cagiva e Vespa divennero rispettivamente "moto" e "scooter" per antonomasia. Inizialmente sul serbatoio dei motocicli venne apposta la scritta HD-Cagiva che dopo breve tempo divenne solo Cagiva.
Il sistema di numerazione della matricola assume il formato 6F-xxxxx, dove 6F indica il modello e xxxxx indica il numero delle unità prodotte, indipendentemente dall'anno in corso. La prima matricola è 6F-80001.

HD-CAGIVA SST 125 del 1979
(Immagine concessa da Simone di Pistoia)

LA SECONDA EVOLUZIONE (1980-1983)
Nel 1980 la Cagiva presentò la gamma dei modelli con il nuovo fregio dell'elefantino italiano anzichè l'aquila americana. Il modello SST subì alcuni miglioramenti soprattutto estetici: paracatena dritto, carburatore VHBT 27 AD, rimozione blocchetto comandi sul manubrio destro (engine stop) e sostituzione blocchetto comandi sul manubrio sinistro, tappo serbatoio a scatto, logo Cagiva sul carter sinistro, frecce con stelo in gomma dura, pedivella dritta. Ci fu la possibilità di scegliere due varianti: RR classica con ruote in raggi oppure RL con ruote in lega stampata, di moda in quegli anni. I colori disponibili erano quattro: blu metallizzato, nero, bianco, grigio. Successivamente fu reintrodotto il rosso in serie limitata. Il numero di matricola iniziale del modello 125/81 è 6F-91524, mentre il numero di matricola iniziale del modello SST/82 è 6F-104024.
Nel 1982 il modello SST 125 fu oggetto di un'ulteriore innovazione: a partire dal telaio 6F-108816 venne installata l'accensione elettronica. Fino ad allora l'impianto elettrico, a differenza delle 250 e 350, era alimentato da un volano alternatore meccanico a puntine marca Dansi; il nuovo volano elettronico era un "Mini 6 Hierro" della spagnola Motoplat.

   

CAGIVA SST 125 RR ruote a raggi
(Immagini concesse da Carlo di Varese e Harry da Osnabruck (Germania)

CAGIVA SST 125 RL ruote in lega
(Immagine concessa da Luigi di Nuoro)

LA TERZA EVOLUZIONE (1983-1984)
Dopo il grande successo ottenuto dal suo cavallo di battaglia la Cagiva decide di presentare una nuova gamma di modelli con il nome di ALETTA (ALA per le cilindrate maggiori), nome già usato in precedenza per i modelli Aermacchi. Il nuovo restyling segnava l'abbandono dello stile Harley Davidson a favore di quella categoria di motociclette denominate Enduro che stava conquistando il nuovo favore del pubblico. Iniziavano così i tempi della mitica Aletta Rossa altro oggetto di grande successo della Casa.
In questa fase l'SST mantenne sostanzialmente le sue caratteristiche di moto stradale, praticamente sempre con il vecchio motore HD. Il modello venne denominato Cagiva Aletta SST 125 il cui numero di matricola iniziale era 6F-121025 e presentava diversi ammodernamenti fra i quali: il cupolino, un nuovo quadro strumenti con l'aggiunta di diverse spie (olio, folle, riserva benzina), modifica del fanale posteriore e del suo supporto. Le inconfondibili strisce vennero abbandonate e sostituite con un disegno che ne ricordava la forma. La scritta "Cagiva" sul serbatoio era in rilievo. Per installare la spia del folle fu necessaria una piccola modifica al motore: all'interno del carter sinistro è stato messo un interruttore che toccava la camma del cambio. L'Aletta SST veniva prodotta esclusivamente con le ruote in lega, argentate o dorate. L'Aletta SST 125 fu affiancata da una stravagante versione: l'SST 125 C un custom meglio conosciuto come Cagiva Low Rider. Il modello aveva ruote a raggi di serie, sella sdoppiata, manubrio a corna di bue e parafanghi cromati. Il telaio ed il motore erano identici a quelli della sua consorella.

CAGIVA ALETTA SST 125 e CAGIVA LOW RIDER
(Immagini dalla rete)

LA FINE DELL'SST (1984)
La Cagiva, a partire dalla gamma Aletta e Ala aveva capito in quale direzione si stava muovendo il mercato, sia andando incontro alle esigenze del pubblico sia reggendo l'agguerrita concorrenza delle Case italiane ed estere. Il pubblico, soprattutto quello giovanile, si stava orientando sul più versatile enduro e su modelli con motori sempre più moderni. I motori HD erano ormai obsoleti. Negli ultimi mesi di produzione la Cagiva fece un restyling della SST non del tutto convincente: l'Aletta SST 125 fu ribattezzata ALETTA OFFICIAL, non cambiò nulla, eccetto la carrozzeria bicolore e la sella colorata, di solito verde oliva o nocciola. Le adesive scomparvero e ne fu lasciata solo una sui cofanetti destro e sinistro a ricordare il nome del modello. D'altronde la Cagiva stava già puntando tutto sulla nuova motocicletta stradale che avrebbe soppiantato l'SST, ossia l'Aletta Electra. L'SST aveva ormai fatto la sua parte e la sua produzione fu abbandonata dopo quasi 10 anni di successi.

CAGIVA ALETTA OFFICIAL l'ultimo SST
(Immagine dalla rete)


Motore SX

Il motore dell'SST deriva da un motore di tipo SX del 1971 che equipaggiava i precedenti modelli Aermacchi HD fra i quali Z90, X90, SX125, SS125. Nel corso degli anni ha subito modifiche per adattarlo sui vari modelli come l'aggiunta di ulteriore attacco al telaio per il 125. Il motore reca una matricola identificativa che si trova stampata in prossimità dell'aggancio posteriore. Sul carter sinistro è stampata la scritta CAGIVA SX, mentre sul carter destro vi è stampata la matricola vera e propria. Essa ha il seguente formato:

Y yyxxxxx

dove Y è una lettera fissa che sta per "year", yy indica le ultime due cifre dell'anno di costruzione e xxxxx è il numero di unità prodotte in quell'anno. Ad esempio Y 8302603 indica il motore n. 02603 prodotto nell'anno 1983.


La nuova era dei 125

I NUOVI MODELLI CAGIVA
Non può mancare una breve carrellata dei successivi modelli Cagiva che, insieme a motocicli di altre marche, sono diventate icone dei giovani degli anni '80. L'ALETTA ELECTRA 125 del 1984, la stradale dalla linea sinuosa e moderna, con nuovo telaio e nuovo motore a 6 marce, avviamento elettrico e mono ammortizzatore "Soft Dump"; la già citata ALETTA ROSSA 125 del 1983 (evoluzione della vecchia Cagiva SXT) un enduro con motore raffreddato ad acqua e con mono ammortizzatore "Soft Dump" oggetto di culto e di moda dei giovani dell'epoca; il "sequel" dell'Aletta Rossa ovvero l'ELEFANT 125 prodotta dal 1984 al 1985 (prima serie), altro enduro stile "dakar" con serbatoio maggiorato, l'ALETTA ORO S1 125 una moto carenata dall'assetto sportivo. Altre successive produzioni sono state la TAMANACO 125 evoluzione della Elefant, prodotta anche in versione 50cc con il nome di COCIS; la FRECCIA prodotta nelle versioni C9, C10 R e C12 R; la famosa MITO moto da corsa prodotta in successive serie oltre 20 anni, produzione cessata nel 2012. 

CAGIVA ALETTA ELECTRA - CAGIVA ALETTA ROSSA - CAGIVA ELEFANT - CAGIVA ALETTA ORO
(Immagini concesse da Stefano di Pistoia e dalla rete)

CAGIVA TAMANACO - CAGIVA FRECCIA C10 R - CAGIVA MITO
(Immagini: wikipedia)


Pagina principale